Disinfezione

Sempre al fianco dei nostri clienti per una migliore difesa dell’igiene e della sicurezza ambientale.

DISINFEZIONE

L’aria che respiriamo è una miscela di gas e microrganismi, per cui non dobbiamo temerli in quanto tali ma bisogna imparare a riconoscerli e a combatterli per impedire, e questa è la nostra missione, la trasmissione dei microrganismi infettivi.

COS’E’ LA DISINFEZIONE?

  • La disinfezione è un’attività che appartiene al processo di sanificazione ed è finalizzata a rendere sani determinati ambienti, con l’eliminazione di microrganismi patogeni senza garantirne la distruzione al 100%, riducendo i germi patogeni come batteri, virus, funghi, protozoi, spore ed ha lo scopo per mezzo di uccisione e/o inattivazione di gestire e controllare il rischio di infezione per persone o di contaminazione di oggetti o ambienti.
  • La disinfezione nello svolgimento della sua attività prevede una serie di azioni:
    1. Le azioni di monitoraggio a priori (tamponi) per verificare la tipologia di microrganismi presenti;
    2. A seguire la lotta contro virus, batteri, muffe, funghi, ovvero contro ciò che è stato evidenziato dal tampone;
    3. Questo sotto processo del processo madre di sanificazione si conclude con il monitoraggio a posteriori per valutare l’efficacia del trattamento.

NON FACCIAMO CONFUSIONE!

La disinfezione, procedura che ha l’obiettivo di evitare la trasmissione di microrganismi patogeni ed infettivi allo scopo di distruggere il potenziale infettivo di un materiale e che dovrebbe essere sempre preceduta da un intervento di detersione, non deve essere confusa con la sterilizzazione che permette di eliminare/inattivare tutti i microrganismi spore comprese e i vari prodotti per la disinfezione (con specifiche proprietà nei confronti dei microrganismi) a loro volta non devono essere confusi con prodotti detergenti e igienizzanti.

Come si differenziano i disinfettanti?

I disinfettanti si differenziano in base al bersaglio microbiologico 

Battericidi

I battericidi sono prodotti disinfettanti che hanno la funzione di inattivare le forme batteriche.

Funghicidi

I funghicidi si occupano di inattivare miceti e spore, sporicidi, virucidi se inattivano i virus.

Facciamo chiarezza

Per farvi comprendere meglio il “linguaggio” e gli obiettivi della sanificazione e nello specifico della disinfezione, vi facciamo conoscere la scala LOG che esprime il coefficiente di abbattimento e consente in base a questo fattore di conoscere a quale categoria appartiene il metodo/mezzo utilizzato

intervento per caratteristica

I nostri interventi operativi sono influenzati dal livello di rischio delle aree d’intervento, distinguendo 3 tipologie di attività

aree a basso rischio

  • scale
  • corridoi
  • montacarichi ed aree di passaggio

aree a medio rischio

  • Ascensori
  • bagni
  • uffici

aree ad alto rischio

  • reparti di degenza
  • ambulatori e studi medici
  • mense
  • aree operative di imprese alimentari
  • spazi comuni
  • asili e scuole

Ma come agiscono i disinfettanti contro i virus?

La disinfezione chimica deve utilizzare disinfettanti autorizzati dal Ministero della Salute e attivi contro i virus incapsulati, gruppo a cui appartengono anche i Coronavirus (ai quale appartiene l’agente eziologico di COVID-19) sono microrganismi dotati di involucro (envelope) e, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, i virus di questo tipo sono normalmente meno resistenti dei cosiddetti virus “nudi” cioè senza involucro. 

Virus senza involucro

Virus senza involucro sono resistenti alle alte temperature, agli acidi, ai detergenti e all’essiccamento.

Virus con involucro

Virus con involucro (inclusi i coronavirus), i quali sopravvivono più a lungo in ambiente umido e si diffondono mediante le gocce d’acqua e sono distrutti sia da acidi, detergenti, disinfettanti, essiccamento e calore.

Un disinfettante che rivendica un’azione virucida (claim), include sempre (spesso senza esplicitare questa azione) l’efficacia contro virus con involucro. Al contrario, un disinfettante che presenti un claim di azione solo contro virus con involucro potrebbe non essere efficace contro virus “nudi” (senza involucro) più resistenti.

Ad esempio: l’etanolo ad alte concentrazioni è un potente agente virucida in grado di inattivare tutti i virus lipofili (virus vaccinico, herpes e virus dell’influenza) e anche molti virus non lipofili (adenovirus, rotavirus, enterovirus, ma non il virus dell’epatite A);

il propan-2-olo (alcol isopropilico) è attivo solo contro i virus lipofili;

il perossido di idrogeno produce radicali liberi che attaccano gli involucri lipidici e il DNA. I virus finché non entrano nelle cellule ospiti (quando cioè infettano l’uomo o gli animali) hanno pochi modi per difendersi dagli attacchi esterni. Pertanto, anche il solo essiccamento causato dall’alcol o i danni causati dal perossido di idrogeno possono essere sufficienti a distruggerli.

Sebbene non siano disponibili dati specifici sull’efficacia contro il SARS-CoV-2 diversi agenti antimicrobici disinfettanti sono stati testati su alcuni coronavirus, come riportato nella linea guida del Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) (7) che propone, per la decontaminazione delle superfici dure, l’uso di ipoclorito di sodio allo 0,1% dopo pulizia con acqua e un detergente neutro mentre, per quanto riguarda le superfici che potrebbero essere danneggiate dall’ipoclorito di sodio, l’uso di prodotti a base di etanolo al 70% (non specificato se p/p o v/v) sempre dopo la pulizia con acqua e detergente neutro.

Importante

I prodotti che vantano un’azione disinfettante battericida, fungicida, virucida o una qualsiasi altra azione volta a distruggere, eliminare o rendere innocui i microrganismi, ricadono in distinti processi normativi: quello dei Presidi Medico-Chirurgici (PMC) e quello dei Biocidi.

R

protocolli

Linee guida per una efficace disinfezione degli ambienti in industrie alimentari ed uffici

R

Consulenza

Metodologia di disinfezione di ambienti e sulle tipologie prodotti più idonei.

R

campionamento

Operazioni di campionamento microbiologico